.
Annunci online

smog [ qualsiasi inquinamento desideriate ]
 


*per quelli che si chiedono: "how could I do my job and still have time to think?"*

 

 

 

QUESTO BLOG VALE £7675 SECONDO LA STIMA DI wewantyoursoul.com    PER INFORMAZIONI INERENTI L'ACQUISTO (in euro o dollari) RIVOLGERSI AL TITOLARE (smog123@libero.it)

[gli italiani quando sono in due si confidano segreti, tre fanno considerazioni filosofiche, quattro giocano a scopa, cinque a poker, sei parlano di calcio, sette fondano un partito del quale aspirano tutti segretamente alla presidenza, otto formano un coro di montagna]



Ascolta il profumo dell'ottimismo


11 giugno 2006


Il linguaggio notturno

C'è un linguaggio notturno. Non è un ragionamento che si spiega alla luce del sole e si articola chiaro e compensibile a tutti, o perlomeno a chiunque voglia far lo sforzo di capire. E' un linguaggio che respinge gli altri poiché è un puro monologo. Il linguaggio diurno invece non può non essere un linguaggio realista che soppesa le forze esistenti, calcola come si ingranano fra loro, com'è possibile operare su di esse e in che senso. Per parlare con sicurezza la lingua diurna occorre conoscere quella notturna, nella quale solamente si imbastiscono i temi che saranno svolti nel giorno. Pensar di giorno colla lingua della notte fa solo correre il rischio di essere frainteso. Ma pensar la notte, cioè nell'ora del contatto panico, del distacco dalla propria particolare personalità e dalla propria sorte, pensare la notte con il linguaggio del giorno, significa sbagliare ogni meditazione, sforzarsi di conservarsi quando invece bisogna perdersi. Vuol dire rinunziare a preparare il succoso alimento, pieno di misteriosa forza nutritiva, al realistico linguaggio del giorno.

ALTIERO SPINELLI




permalink | inviato da il 11/6/2006 alle 19:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa
sfoglia     maggio